I migliori ristoranti romantici di Firenze.

E’ difficile trovare un’opinione contraria e non sbagliamo nel ritenere che Firenze è una delle città più belle del mondo; un monumento a cielo aperto, opere d’arte che sbucano da ogni dove, piccola e a dimensione d’uomo. Meta ideale per famiglie e per le coppie che intendono trascorrere un weekend lontano dalla monotonia della quotidianità. Dopo una passeggiata in centro, visite qua e là per musei è impossibile non concedersi una cena a lume di candela. Mentre nello scorso articolo ci siamo soffermati su quelle che consideriamo le migliori trattorie di Firenze, di seguito proponiamo un elenco di quelli che, a nostro avviso, rappresentano i migliori ristoranti romantici di Firenze.

ENOTECA PINCHIORRI

Quando si pronuncia questo nome occorre prendersi un attimo di pausa e rendersi conto che siamo dinanzi ad un vero e proprio monumento della ristorazione italiana e internazionale, uno dei pochi ad aver ottenuto ben tre Stelle Michelin. Partiamo dalla cornice, unica, sobria ed elegante, situata nel settecentesco palazzo Jacometti – Ciofi. Un altro aspetto da evidenziare è sicuramente rappresentato dal fatto che la cucina è guidata da una donna di alta classe, Annie Féolde, Executive Chef del locale e moglie del titolare Giorgio Pinchiorri. Una coppia di altri tempi. Arriviamo poi al punto sacro, la cucina che sa offrire una esperienza sensoriale semplicemente unica. E’ davvero difficile spingersi nel consigliare quale piatto assaggiare ma il nostro gusto ci spinge a ricordare il piccione in crosta di fave di cacao e sale, chutney di mango, carotine alla paprika e salsa alla diavola, l’u ovo morbido di montagna, zucca fondente gelatina di prosciutto crudo e maionese di pollo arrosto o, ancora, la crespella di calamaro alla plancia, con funghi porcini secchi, prezzemolo e crema d’aglio fermentato. Non parliamo poi dei dolci…una goduria! Impossibile, infine, descrivere l’offerta proposta dalla cantina che presenta, al suo interno, il meglio della produzione vinicola internazionale. Da provare almeno una volta nella vita. Il locale è in Via Ghibellina, 87, 50122 Firenze. Per ulteriori info click su Enoteca Pinchiorri.

LA GIOSTRA

Son trascorsi più di 25 anni da quando questo ristorante ha aperto le proprie porte in una delle aree più suggestive del centro storico di Firenze, Borgo Pinti. Parliamo di un locale a conduzione familiare, una famiglia di nobili origini che vengono trasmesse nella cortesia ed eleganza tramite le quali viene trattato ogni singolo cliente. Molto bello il locale, un arredamento in legno, luci calde al soffitto che sapranno avvolgere i clienti in un’atmosfera romantica. Che dire poi della cucina…i piatti preparati dall’executive chef Ubaldo Tornarelli sapranno semplicemente incantarvi. Pensiamo, ad esempio, ai ravioli (fatti rigorosamente a mano) con pecorino di fossa e pere Williams, al filetto Kalvill con fegato d’oca e mele all’armagnac. Da assaggiare assolutamente il tagliere di salumi (enorme) e i dolci. CI permettiamo di suggerire il tiramisù e la tarta-tatin di mele kalvill. Ottima la carta dei vini. Che dire…una tappa obbligatoria e complimenti a Soldano, Anastasia e Dimitri D’Asburgo Lorena. Il locale è in Borgo Pinti, 12R, 50121 Firenze. Per ulteriori info click su La Giostra.

RISTORANTE PAOLI

Quando si pronuncia questo nome si fa riferimento al più antico ristorante di Firenze che, nel pieno centro della città, ha aperto le sue porte nel lontano 1827 divenendo ben presto uno dei principali ritrovi di artisti e letterati dell’epoca; pensiamo ad esempio a Leoncavallo, Puccini, Marinetti e Pirandello. Il ristorante è un vero e proprio museo, ristrutturato di recente in pieno stile trecentesco con affreschi alle pareti raffiguranti scene medioevali e con arredi esclusivamente in legno. La cucina è quella tipica toscana, piatti preparati con maestria e con un sacro rispetto della tradizione locale. Pensiamo, ad esempio, alla pappa al pomodoro, alla ribollita e che dire della carne: freschissima a tal punto da sciogliersi in bocca. Ottima anche la proposta relativa ai dolci. Che dire del servizio: semplicemente impeccabile. Il locale è in Via dei Tavolini, 12/R, 50122 Firenze. Per ulteriori informazioni click su Ristorante Paoli.

SANTA ELISABETTA

Siamo all’interno di una fantastica cornice unica al mondo: l’antica torre bizantina della Pagliazza dell’Hotel Brunelleschi, un ambiente intimo, caldo in cui si sente nell’area la magica fragranza di Dr. Vranjes e che vi farà sentire immediatamente avvolti. E’ qui che si pronuncia in modo autentico l’estro e la maestria dello Chef Rocco De Santis che propone una cucina minimalista. Ogni piatto e, infatti, caratterizzato dalla presenza di un unico prodotto principale accompagnato da altri due che lo supportano. Parliamo di una cucina che ha conquistato le due Stelle Michelin e possiamo sicuramente asserire che si tratta di un traguardo più che meritato considerando che mangiare al Santa Elisabetta vuol dire vivere un’esperienza sensoriale. Da provare assolutamente il petto e la coscia di quaglia arrostite con rocher di foie-gras, cime di rapa e gel di pera; le linguine al burro di alghe, bergamotto, ricci e bottarga o, ancora, il piccione cotto ai carboni con cavolo nero, mela annurca e pastinaca. Eccellente anche la proposta dei dolci e la carta dei vini. Una location perfetta per due innamorati che intendano vivere un’esperienza UNICA. Il ristorante è in Piazza Sant’Elisabetta, 3, 50122 Firenze. Per ulteriori info click su ristorante Santa Elisabetta.

CANTINA BARBAGIANNI

Entrare all’interno della Cantina Barbaggiani equivale a fare un salto all’indietro, in tempi ormai lontani. Sarete infatti circondati da un’accogliente sala di ingresso e due cantine dal fascino medioevale: pavimento in cotto, mattoncini e luce soffusa. La cucina propone prodotti di primissima scelti e dallo standard qualitativo elevatissimo; prodotti che renderanno unici e irresistibili i piatti che usciranno dalla cucina. Tante le prelibatezze da assaggiare: il filetto di maiale con salsa Saba e uva; il pollo ripieno di castagne e ricotta con salsa Villeroy; i pici con salsa di polpettine al Chianti. Personalmente poniamo al primo posto, in quanto amanti della griglia, la tagliata di manzo marinata al whisky con senape di Digione. Un plauso al servizio sempre attento a soddisfare ogni piccola o grande esigenza del cliente. Spettacolare la proposta vinicola. Se vi trovate a passeggiare nei pressi della Cattedrale di Santa Maria del Fiore non potete non recarvi in questo piccolo angolo del gusto. Il locale è in Via Sant’Egidio, 13rosso, 50121 Firenze. Per ulteriori info click su Cantina Barbagianni.

BORGO SAN JACOPO

Questo ristorante, che affaccia direttamente su Ponte Vecchio e il Lungarno, rappresenta ormai un punto di riferimento nell’alta ristorazione fiorentina e per tutti coloro che vogliono dedicarsi una serata davvero indimenticabile. La cucina, al cui interno transitano esclusivamente prodotti di altissima qualità e accuratamente selezionati, è affidata allo Chef Claudio Mengoni, una stella Michelin, dalle cui mani sorgono dei veri e propri capolavori. Tanti i piatti da assaggiare assolutamente: pensiamo al maialino in porchetta scorzonera, scalogno al porto e senape Dijon, alla ventresca di tonno cotta a bassa temperatura e accompagnata da una millefoglie di zucca, mandorle, caffè e salsa all’arancia, fino ad arrivare ad un assaggio di gamberi rossi di Mazzara con mela verde e yogurt di bufala. Un plauso va sicuramente al personale che saprà accompagnarvi in un’esperienza unica. Da sottolineare, soprattutto, la professionalità dell’Head Sommelier Salvatore Biscotti e della Restaurant Manager Claudia Rosati. Il locale è in Borgo S. Jacopo, 62/R, 50125 Firenze. Per ulteriori info click su Borgo San Jacopo.

L’ORTONE

A poche decine di metri dalla Chiesa di Sant’Ambrogio, di fronte al caratteristico mercato, troviamo una vera e propria perla nascosta della ristorazione fiorentina che, nel corso degli anni, ha saputo ergersi quale punto di riferimento per i palati più raffinati. Il locale si presenta con tratti davvero suggestivi; pensiamo infatti alle pareti in pietra, all’arredo esclusivamente in legno e con sale di dimensioni contenute ideali per una serata intima. La cucina ha la capacità di offrire piatti al cui interno si mescolano sapientemente ingredienti di primissima scelta che rimandano ad antiche tradizioni e con un intenso sguardo al futuro. Da assaggiare sono sicuramente i pici al ragù di maialino e anice stellato; il baccalà affumicato all’alloro con cavolo cappuccio e senape; le tagliatelle al nero di seppia con ragù di moscardini. Fornitissima la carta dei vini che consente di spaziare tra le migliori etichette di tutto il territorio italiano. Il locale è in Piazza Lorenzo Ghiberti, 87/red, 50122 Firenze. Per ulteriori info click su L’Ortone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: